person_outline
search

Oidio difesa precoce

Erysiphe necator è l’agente causale del mal bianco, o oidio, della vite. Si tratta di un fungo epifita, in grado di invadere superficialmente tutti gli organi verdi della pianta, foglie e peduncoli, tralci erbacei e le varie parti del grappolo, ma che ne parassitizza solo le cellule epidermiche, attraverso strutture specializzate chiamate austori (Rossi et al., 2006). Gli austori sono rigonfiamenti delle ife all’interno del lume delle cellule vegetali che assorbono dalla cellula stessa gli elementi nutritivi necessari alla crescita del fungo. Inizialmente la presenza dell’austorio non compromette la vita della cellula, ma col tempo la cellula stessa muore e viene “abbandonata” dal fungo. Durante la fase parassitaria quindi il fungo sviluppa le proprie ife e differenzia le proprie strutture riproduttive sulla superficie vegetale, formando una colonia visibile a occhio nudo sotto forma di muffa polverulenta e biancastra.

PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI EFFETTUARE IL LOGIN E SCARICARE IL PDF MILLEVIGNE 1/2018

Scarica la rivista in formato PDF cliccando qui e scegliendo la voce DOWNLOAD in alto a destra. In questa sezione troverai tutti i numeri di Millevigne in formato PDF. Se non sei abbonato dovrai sottoscrivere un abbonamento annuale.

footer vignaioli
Privacy Policy Cookie Policy
×