person_outline
search
  • Enologia
  • Pubblicazione del

Le fermentazioni spontanee in enologia

L’impiego o meno di starter microbici selezionati accalora in quanto ritenuto sinonimo di vini standardizzati o ‘naturali’. Ma i confini non sono affatto così nitidi …

Oggi i vini ‘naturali’, ovvero bottiglie prodotte seguendo disciplinari biologici o biodinamici sono tema di strettissima attualità per il riscontro che trovano nei consumatori e le dispute, anche accese,, che suscitano tra semplici appassionati e addetti ai lavori. Al tema della produzione ‘naturale’ di vino si associa frequentemente, oltre ad una gestione a basso impatto ambientale del vigneto, una vinificazione scevra dall’impiego di molti degli strumenti enologici autorizzati dall’Organizzazione Internazionale della Vite e del Vino. Tra i presidi che suscitano il dibattito più acceso vi sono le colture starter di lieviti e batteri. Questi microrganismi sono disponibili sul mercato da una trentina di anni ed è innegabile che abbiano contribuito al miglioramento delle produzioni enologiche riducendo le deviazioni fermentative, grazie alla capacità di dominare la microflora presente nei mosti.

PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI EFFETTUARE IL LOGIN E SCARICARE IL PDF MILLEVIGNE 1/2019 dall'area DOWNLOAD

Scarica la rivista in formato PDF cliccando qui e scegliendo la voce DOWNLOAD in alto a destra. In questa sezione troverai tutti i numeri di Millevigne in formato PDF. Se non sei abbonato dovrai sottoscrivere un abbonamento annuale.

footer vignaioli
Privacy Policy Cookie Policy
×