person_outline
search

Millevigne, N°4 2019

Editoriale
(il sommario del numero 4/2019 è al fondo dell'articolo)

Distribuzione sempre più “fusion”

La catena di distribuzione del vino è complessa, ma soprattutto mutevole. Prendiamo ad esempio il sistema americano: dopo gli effetti nefasti del proibizionismo degli anni Venti, la legislazione riportò nella legalità il business ‘alcolico’, ma imponendo una ferrea suddivisione di ruoli, esplicitata nelle cosiddette “Tied House Rules”.

In pratica i venditori di alcolici erano legati ("tied") ad uno specifico produttore. Ben presto si notarono gli effetti distorsivi anche di questo sistema, con dettaglianti costretti a vendere solo i prodotti di pochi fornitori. Si ritenne quindi di assicurare una tripartizione del sistema distributivo su tre livelli (il cosiddetto "Three Tier System", ovvero: il produttore, il distributore ed il rivenditore). Questi soggetti non devono però essere collegati fra loro e ad oggi sono vietate le partecipazioni azionarie incrociate.  

Tutto ciò non per parlarvi della distribuzione negli USA, ma per chiarire che la materia, apparentemente inconsistente (qualcuno compra qualcosa e lo vende a chi desidera …) è invece assai intricata, e non solo dal punto di vista legislativo. Anzi, le complicazioni più evidenti arrivano, e parliamo ora di fenomeni comuni ai mercati evoluti, dal mutare delle abitudini dei consumatori e soprattutto dall’evoluzione delle formule e dei luoghi di vendita. Infatti a sparigliare, e pesantemente, le carte, è arrivata la vendita diretta al consumatore, effettuata sia dal produttore sia dal distributore. Ciò, oltre a complicare il quadro legale di riferimento, fa saltare i rapporti commerciali di intermediazione e la sopravvivenza stessa di operatori e luoghi di vendita. 

Oggi aziende produttrici grandi e piccole, pur non rinnegando (ma certo penalizzando) i propri intermediari commerciali, vendono direttamente una quota crescente di vino (grazie soprattutto all’on-line) al consumatore finale. È il cosiddetto canale DTC, ovvero “direct to consumer”, opportunità in crescita costante e salutata come salvifica da tantissimi produttori. Fenomeno assodato, direte voi. Sì, ma nel frattempo è successo che anche il distributore (a volte importatore/distributore) salta i propri naturali acquirenti (grossisti e dettaglianti) per vendere direttamente (e non tramite l’on–line) al consumatore. Il fenomeno si acutizza enormemente verso Natale con aziende e professionisti che comprano dal distributore (con prezzi all’ingrosso) spumanti e Champagne per la regalistica. Alcune di queste transazioni avvengono non esattamente alla luce del sole, con triangolazioni architettate dagli agenti di commercio, ma molte altre sono sotto gli occhi di tutti. Un esempio? Cash & carry che durante l’anno vendono solo a clienti dotati di partita Iva del settore food & wine ma ogni dicembre aprono all’acquisto ai possessori di qualsiasi partita Iva, attirando avvocati, notai, commercialisti  proprio nell’unico momento in cui questi comprano, e sottraendo i guadagni al loro cliente ‘naturale’. 

Che voglio dirvi? Che oggi il modello ‘fusion’ sta prendendo il sopravvento, ovunque; macellerie che non solo vendono la carne sia al consumatore sia al ristoratore, ma la servono anche cotta in un angolo del negozio, lo stesso per pescherie, panetterie, ecc. Enoteche che, per assecondare un cliente che sempre più chiede prodotti non a scaffale, divengono luoghi di prenotazione verso altre enoteche on-line (con marginalità risicatissime) o distributori/dettaglianti che consegnano anche il singolo pezzo. Bene, direte voi, occorre che anche i negozi vicinali si adeguino alle mutate esigenze. Ok, ma il passo successivo è che l’acquisto parta direttamente dallo smartphone del consumatore, tagliando fuori anche la residuale intermediazione dell’enotecario volenteroso. E gli agenti di commercio che girano nei negozi per raccogliere ordini? Quando saranno sostituiti da un portale ove il commerciante l’assortimento se lo compila da sé, scontistica compresa? E allora? E allora a breve la disintermediazione totale cambierà ancora il mercato del vino, e non ci sarà che da adeguarvisi. 

La redazione di Millevigne augura a tutti i lettori di trascorrere le festività in armonia, allegria e serenità!

SOMMARIO

Viticoltura

Gelate tardive e ripercussioni sulla vite di Isabella Ghiglieno, Marco Tonni, Angelo Divittini, Davide Trionfini, Pierluigi Donna, Leonardo Valenti

\"Green Vision\" a Merlara ARTICOLO IN CHIARO

La gestione delle fallanze in vigna di Matteo Marenghi

I nuovi portinnesti della serie M di Davide Modina

Enologia

Colfondo, tradizione, territorio e tecnica di Alessandra Biondi Bartolini ARTICOLO IN CHIARO

Imbottigliamento: vademecum per piccole cantine di Raffaele Guzzon

Legislazione

Valpolicella, si cambia!di Elisabetta Tosi

Economia

Asti: non solo bolle, non solo dolce...di Nicolò Regazzoni ARTICOLO IN CHIARO

Il mercato del vino in Russia di Stefano Baldi, Nomisma

La fidelizzazione del punto vendita di Lorenzo Biscontin

Cultura e Società

Architettura viticola di Mario Fregoni

Architettura, paesaggio ed arte contemporanea di Andrea Fasolo

Imprese vitivinicole tra rapporti famigliari e team building di Gabriela Tirino

Uno, nessuno e centomila...rosati di Marco Terzoni

 

#MILLEVIGNE N°4 2019

Scarica la rivista in formato PDF cliccando qui e scegliendo la voce DOWNLOAD in alto a destra. In questa sezione troverai tutti i numeri di Millevigne in formato PDF. Se non sei abbonato dovrai sottoscrivere un abbonamento annuale.

Privacy Policy Cookie Policy
×