person_outline
search

Trentino: Lavis rientra in CAVIT

Cedute al gruppo di Ravina anche le partecipate Cesarini Sforza e Casa Girelli. 

Nello scorso ottobre il CdA della Cantina di Lavis e Valle di Cembra aveva deciso di cedere le due partecipate per sanare l’indebitamento del gruppo.
L’operazione si è conclusa con l’acquisizione dei due marchi e delle relative reti commerciali da parte del gruppo CAVIT e con l’ingresso di Lavis nella compagine sociale di CAVIT stessa.

La riorganizzazione comprende anche l’ingresso di CAVIT nella società commerciale G.L.V. srl che distribuisce i marchi Cantina La-Vis e Cembra Cantina di Montagna.
«Questo articolato piano e manovra finanziaria - riferisce una nota - consente alla Cantina di Lavis e Valle di Cembra di raggiungere in via definitiva la stabilità necessaria a salvaguardare i suoi 800 soci viticoltori e, obiettivo fondamentale, continuare nell’opera di valorizzazione della produzione e della propria specificità che rappresenta un patrimonio unico del panorama vitivinicolo trentino».

Con l’ingresso dell’undicesima, grande cooperativa il gigante della cooperazione trentina (4.500 soci viticoltori, 7.000 ettari vitati un fatturato 2019 chiuso a 191,5 milioni di euro e una produzione pari al 60% di tutto il vino trentino) diventa così ancora più grande, mentre per i soci di Lavis si dovrebbe chiudere un periodo difficile.

Cesarini Sforza è un marchio di prestigio nel settore spumantistico che si affianca così, nella gamma di CAVIT, alla linea Altemasi.

 

foto in apertura: trentinowine.info

You have no rights to post comments

Privacy Policy Cookie Policy
×