person_outline
search

L'Indonesia chiude le porte ai vini europei

Ritorsione contro lo stop all'importazione di olio di palma.

Una guerra commerciale meno nota di quelle scatenate da Trump riguarda i rapporti tra Unione Europea e Indonesia. Ne fa le spese anche il vino. Riferisce il produttore Valentino Sciotti (Farnese): "Tutto parte dal boicottaggio che la Cee ha deciso di attuare contro l'importazione di olio di palma proveniente dell'Indonesia. Il governo locale ha reagito vietando l'import di merci per importo similare, ma che colpisca più aziende o produttori di base possibili. L'importazione di alcolici è soggetta al rilascio di quote, che fondamentalmente sono rimaste uguali nei volumi, ma ha escluso totalmente i paesi CEE."  Se ne avvantaggiano, ovviamente, i nostri concorrenti: Australia, Cile, Argentina. "Ora io potrei anche capire, - commenta Sciotti - le ragioni che hanno portato alla decisione UE, fondamentalmente per protestare contro la deforestazione in atto a favore di queste coltivazioni: ma le diplomazie esistono per ottenere risultati senza ricorrere a guerre, reali o commerciali. La cosa bella è che la UE è sola in questa battaglia, che non fa altro che agevolare i nostri paesi concorrenti, cosa che già si verifica con i dazi in Cina e che si è verificato anche, con la regolarizzazione degli accordi sul libero scambio, con il Giappone, dove abbiamo regalato ai cileni quote di mercato conquistate con grandi sacrifici." 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Privacy Policy Cookie Policy
×