person_outline
search

DOC Sicilia in forte crescita

80 milioni di bottiglie nel 2018, e nel 2021 arriva la fascetta di stato. Positivo andamento anche per i vini dell'Etna, numeri triplicati in sei anni.

Il 2018 si è chiuso con un bilancio da record per il Consorzio di tutela vini Doc Sicilia, che ha raggiunto al 31 dicembre la quota di 80 milioni di bottiglie di vino prodotte.Un risultato che corrisponde ad un aumento percentuale del + 173 per cento rispetto al 2017, chiuso con 29 milioni di bottiglie.

Oltre ai due vitigni principali della Doc Sicilia, Grillo e Nero d'Avola (che dal 2017 è diventato obbligatorio imbottigliare con la denominazione d'origine Sicilia), il trend di crescita dell'imbottigliato del 2018 coinvolge tutte le tipologie di vini. Nel 2018 sono state prodotte 40 milioni di bottiglie di Nero d'Avola e 15 milioni di Grillo.

Importanza della promozione e necessità di maggior tutela: arriva il contrassegno di stato

 Gli 80 milioni di bottiglie prodotte dalla Doc Sicilia superano di venti milioni l'obiettivo che ci eravamo proposti per il 2018” commenta Antonio Rallo, presidente del Consorzio di tutela vini Doc Sicilia. “I dati di crescita dell'imbottigliato si accompagnano ad altri numeri che confermano come il lavoro di squadra e la condivisone degli stessi obiettivi per l'intera filiera del vino sono una scelta che dà i suoi frutti. Le aziende che imbottigliano Doc Sicilia sono intanto diventate 350 nel 2018 contro le 126 del 2017. La continua crescita della produzione ha tra l'altro spinto il Consorzio a prevedere, dal 1 gennaio 2021, l'introduzione del contrassegno di Stato su tutte le bottiglie Doc Sicilia per garantire una maggiore tutela sia alle aziende che ai consumatori”.

Un contributo per raggiungere il risultato degli 80 milioni di bottiglie prodotte e la sempre maggiore consapevolezza dei valori che accompagnano il lavoro della Doc Sicilia, è arrivato anche dalle diverse campagne sui Social – con gli account Facebook e Instagram –: dal racconto delle fasi della vendemmia con le immagini di produttori, al video "Bentornati a casa" che racconta il Natale visto dai giovani, che vivono e lavorano lontani dalle proprie città e paesi e tornano a casa per le feste.

Diventa ufficiale il sinonimo "lucido" per il Catarratto 

Il ministero dell'Agricoltura ha approvato la possibilità di etichettare con il sinonimo “Lucido” il vino Catarratto (Sicilia Lucido DOC).

(da comunicato del Consorzio Sicilia DOC)

Etna sempre più in alto

Purtroppo qualche cantina etnea ha registrato danni dal sisma che, contemporaneo all'ultima eruzione, ha investito il catanese.

Secondo quanto riferisce il web magazine Cronache di Gusto, in base a dati IRVO, la DOC Etna ha chiuso il 2018 con 26.990,11 ettolitri di vino Doc, pari a tre milioni e 598 mila bottiglie. Nel 2012 gli ettolitri di vino prodotti erano stati 9.468,93, si tratta quindi di una crescita di tre volte nell’arco di sei anni. Sebbene nell’ultimo anno l’aumento sia stato solo del 5% sono in arrivo nuovi vigneti: il consorzio stima che dovrebbero entrare in produzione altri 250 ettari, che rappresentano un terzo in più rispetto ai circa 750 ettari già in produzione e che formano il vigneto Etna.
Le aziende che vinificano e imbottigliano nel 2018 sono 108. Antonio Benanti, presidente del consorzio Etna Doc, commenta: “Registriamo con soddisfazione una crescita costante e non c’è previsione che questa crescita rallenti. Anzi. È un segno che la qualità coniugata al territorio premia gli sforzi”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Privacy Policy Cookie Policy
×