person_outline
search

Cordoglio in Piemonte per la morte di Beppe Colla

L'enologo albese, già contitolare della Prunotto e poi con il fratello Tino e la figlia Federica di Poderi Colla, aveva 88 anni. 

Beppe Colla era un gentiluomo vero, oltre che un tecnico di grande valore: abbinava il carisma con la modestia, una cosa che certi piemontesi sanno fare.
Come fu un anno fa per Bruno Giacosa, e pochi mesi fa per Beppe Rinaldi e per Gigi Rosso, ne va con lui un pezzo di storia delle Langhe. Apparteneva alla generazione che visse da bambino i giorni della la guerra e della Resistenza, e che ha potuto vedere la straordinaria trasformazione delle sue colline da un'economia di povertà, quelle della Malora di Fenoglio, a uno dei territori più celebrati della terra. 
Ricoprì anche incarichi istituzionali, tra cui in particolare quello di presidente del Consorzio di Tutela del Barolo e Barbaresco, ruolo che deteneva nel 1986 quando scoppiò lo scandalo del vino al metanolo. C'è chi ricorda le sue lacrime di rabbia e di dolore per il Piemonte tradito, in un'intervista televisiva condotta da Paolo Frajese.
Ci uniamo al cordoglio di Tino, Federica e tutti  suoi cari e i suoi amici e vogliamo ricordarlo con questa bellissima video-intervista a cura di Cesare Pillon e Alessandro Masnaghetti. 

https://www.youtube.com/watch?time_continue=34&v=eAiSIUuU28s

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Privacy Policy Cookie Policy
×