person_outline
search

Il vino capovolto

La degustazione geosensoriale e altri scritti

autori: Jacky Rigaux e Sandro Sangorgi

pagine: 140

ISBN: 978-88-905360-9-0

data pubblicazione: 2017

Porthos edizioni
Costo: 15 euro

 

Questa pubblicazione raccoglie sotto un unico titolo la traduzione dal francese del libro di Jacky Rigaux “la degustazione geosensoriale” e alcuni scritti di Sandro Sangiorgi, incentrati soprattutto su quella didattica della degustazione di cui Sangiorgi è il maestro più geniale e più controverso d’Italia.
Il titolo è da interpretare: un’allusione è alle radici della vite e ai diversi suoli che esplora, determinando, insieme al clima e alla mano dell’uomo, le caratteristiche dei vini che ne derivano e marcando così la superiorità dei grandi “terroir”. Rigaux invita il degustatore a fidarsi più del palato che del naso, perché gli aromi sono più effimeri e facilmente condizionabili dalla tecnica enologica, mentre sarebbero le sensazioni gustative e tattili a restituire in modo più fedele l’impronta del territorio legata alla natura dei suoli, attraverso le varie declinazioni della “mineralità”.
Il metodo della “analisi geosensoriale” è stato sviluppato da Rigaux, psicologo e formatore all’Università di Digione su “vini e terroir”, in una vita intera di appassionato assaggiatore e conoscitore dei vini della Borgogna.  
Quella di Rigaux è una visione piuttosto conservatrice che tende a magnificare la viticoltura dei tempi andati, ma non si riduce a questo: la sua originalità merita di essere conosciuta.
Per l’autore il metodo biologico e biodinamico, e un’enologia poco interventista (imparare l’enologia per non usarla, scrive Rigaux citando un vignaiolo carismatico come Henri Jahier), sono passaggi indispensabili perché il vino possa esprimere i caratteri del suo sito di origine, contrapponendosi alla più facile strada dei “vini varietali” e comuni, che non hanno bisogno di territori vocati ma solo di una buona tecnica: ma non hanno personalità e profondità, e relegano il sito di origine in secondo piano, con un “capovolgimento” di ciò che il vino dovrebbe essere.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

×