person_outline
search

Expo 2015 del vignaiolo assente

A Vinitaly è stato annunciato che il Ministero delle Politiche Agricole ha assegnato a Veronafiere/Vinitaly il compito di coordinare il Padiglione del Vino alla prossima Expo 2015 di Milano.

Premettendo di essere piuttosto scettico sui ritorni economici e di immagine del "grande evento", in relazione a quello che costerà, e che è già costato in termini di cementificazione del territorio, mi pare importante la scelta di fare un padiglione del Vino a cui assegnare un ruolo chiave nell'offrire al mondo l'immagine del made in Italy. Anche la scelta di Veronafiere come coordinatore mi sembra ragionevole, data la competenza e l'esperienza della struttura ed il suo essere in qualche modo super partes all'interno di una filiera molto articolata e spesso divisa.

Quello che mi lascia perplesso è la composizione del comitato scientifico, presieduto da Riccardo Cotarella, presidente di Assoenologi, e composto da Piero Antinori, Giovanni Mantovani (Veronafiere), Ruenza Santandrea (CEVICO), Lamberto Vallarino Gancia, Raffaelle Borriello (MIPAF) e il presidente del comitato grandi Cru, di prossima nomina. Non mi pare di vedere fior di giovinezza e afflato di innovazione in questo rispettabile gruppo, e noto l'assenza di una rappresentanza dei vignaioli indipendenti, una componente determinante della filera, sia come numeri che come valore di immagine. Non è una questione di poltrone o di rappresentanza di diritto, ma del fatto che dentro questa categoria sta la gran parte dell'intelligenza, dell'innovazione, dell'immagine di prestigio del vino italiano. 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Privacy Policy Cookie Policy
×