person_outline
search

MILLEVIGNE N°4 2017

  • Biologico: le scelte agronomiche_PRODUZIONE BIOLOGICA

    In questi ultimi anni si è assistito ad un aumento significativo della sensibilità dei consumatori e dei produttori nei confronti delle tematiche ambientali e salutistiche, elementi cardine della viticoltura del terzo millennio, che hanno portato a un notevole ampliamento dei confini di quella che per lungo tempo è stata relegata a nicchia di mercato.

    PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI EFFETTUARE IL LOGIN E SCARICARE IL PDF MILLEVIGNE 4/2017

  • Droni senza ali

    Negli ultimi anni strane creature sono state viste aggirarsi nei vigneti e stavolta non si tratta di invasori provenienti da altre galassie o da altre ineffabili dimensioni spazio-temporali.

    PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI EFFETTUARE IL LOGIN E SCARICARE IL PDF MILLEVIGNE 4/2017

     

  • Il controllo qualità del legno per la produzione delle barrique

    Se c’è un settore legato all’industria del vino che fino a pochi anni fa avremmo considerato tra i più tradizionali, questo è senza dubbio quello dell’industria delle botti e delle barriques. Ma tradizionale non significa statico e negli anni abbiamo assistito a un continuo fiorire di ricerche, volute e finanziate proprio dalle grandi tonnellerie...

    PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI EFFETTUARE IL LOGIN E SCARICARE IL PDF MILLEVIGNE 4/2017

  • Il gigante Oltrepo'

    Per leggere l'articolo su MILLEVIGNE 4/2017 in PDF clicca qui.

  • INBIODYN: viticoltura integrata, biologica e biodinamica

    Tre modelli a confronto in uno studio comparativo decennale

  • L'anidride solforosa in enologia è ancora indispensabile?

    Nel precedente articolo (Millevigne 3/2017) si è parlato delle alternative alla solforosa utilizzabili nella prima fase di elaborazione dei vini, ovvero dalla scelta delle uve in campo fino alla fermentazione e la conservazione dei vini in cantina.

    La fase finale della elaborazione dei vini non è meno semplice da gestire in questo senso, dal momento che sono molte le operazioni critiche e potenzialmente ossidative da effettuare prima della messa in bottiglia (travasi, stabilizzazione tartarica a freddo, filtrazioni, l’imbottigliamento stesso) e se il vino non è opportunamente protetto dall’azione dell’ossigeno che si discioglie durante tali fasi si rischia di compromettere enormemente la shelf-life del vino ancor prima di averlo messo in commercio.

    Più che di vere e proprie alternative all’utilizzo dei solfiti in enologia, in questo articolo si parlerà di come gestire in maniera ottimale queste fasi preparatorie all’imbottigliamento, così come meglio gestire l’imbottigliamento e la conservazione del vino in bottiglia.

    PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI EFFETTUARE IL LOGIN E SCARICARE IL PDF MILLEVIGNE 4/2017

  • La domanda di vino nel Regno Unito e l'impatto della Brexit

    Prosegue il conto alla rovescia che si concluderà a marzo 2019 con l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea e anche i produttori vitivinicoli di tutto il mondo cominciano a domandarsi quali saranno le implicazioni per il proprio business in tale mercato. Sebbene le recenti difficoltà del governo May, già indebolito dalle elezioni del giugno 2017, gettino ulteriore incertezza sull’evoluzione dei negoziati di uscita con l’UE, le ipotesi di impatto devono basarsi, per quanto possibile, su elementi concreti di cambiamento legato alla Brexit.

    PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI EFFETTUARE IL LOGIN E SCARICARE IL PDF MILLEVIGNE 4/2017

  • Millevigne N°4 2017

    Editoriale
    (il sommario del numero 4 è al fondo dell'articolo)

    La biodinamica funziona?

    In questo numero di Millevigne pubblichiamo la sintesi di una sperimentazione denominata INBIODYN, svolta in Germania presso la prestigiosa università di Geisenheim, in cui si confrontano, in un apposito campo sperimentale e con rigoroso metodo scientifico, tre modelli di viticoltura: integrata, biologica e biodinamica. 

  • Monitoraggio e prevenzione delle contaminazioni microbiologiche nel processo di vinificazione

    Le alterazioni microbiologiche in enologia sono una realtà ben nota e della quale si conoscono cause, ragioni e rimedi. Tuttavia in questi ultimi anni si osserva una recrudescenza di problemi che pensavamo ormai superati. Questa evidenza, unita al crescente interesse dei consumatori verso vini di qualità, prodotti con approcci sostenibili, impone nuova attenzione al ruolo del “microbiota” nel processo di vinificazione. Il vino è naturalmente protetto dalla proliferazione di buona parte degli agenti microbici in grado di crescere su altre matrici alimentari...

    PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI EFFETTUARE IL LOGIN E SCARICARE IL PDF MILLEVIGNE 4/2017

  • Recensioni

    PER  LEGGERE LE RECENSIONI DEVI EFFETTUARE IL LOGIN E SCARICARE IL PDF MILLEVIGNE 4/2017

  • Verso la "Destinazione Gavi"

    Leggi articolo in MILLEVIGNE 4/2017 PDF cliccando qui.

Privacy Policy Cookie Policy
×